lunedì 24 novembre 2008

Cristo, secondo Piero Ciampi



CRISTO TRA I CHITARRISTI


È un uomo che vive di foreste
d'aria piena di voli d'aquile,
conquista vette e tocca il sole,
lui beve neve, parla alle stelle
e spazia il tempo.
Corre, anela, sta.

Devia i ruscelli,
veglia e sonno è tutto un sogno
è un uomo solo e senza armi.

Un pomeriggio su una salita perse la vita.

Più niente in quel lungo silenzio
turbava la mia anima esperta.
Un coro di chitarre infelici
cantava per disperdere l'odio.
Sopra una collina era il più alto,
il più bello, irraggiungibile.
Ai suoi piedi c'era il deserto,
ormai la folla si era saziata
con le preghiere.

Là c'è sempre un Uomo in verticale
che non tocca mai la terra,
talvolta scende da una croce
ma dopo poco su una salita sconosciuta
perde la vita.
Un concerto di chitarre arriva e suona
molto amaro.

Anche stasera da qualche parte
c'è qualche Cristo
che sale stanco
e senza scampo
una salita.
Piero Ciampi

Nessun commento: