giovedì 22 aprile 2010

La sera che partì mio padre


La sera che partì mio padre
noi s'era alla finestra a guardare;
guardare per vederlo andare
neanche tanto lontano,
e non muovere neanche una mano

La sera che partì mio padre
non c'erano canzoni da ascoltare
perché la radio continuava a parlare
e mio padre andava per non tornare più

La sera che partì soldato
gli dissero di non sparare
che era solo roba di leva militare
bastava soltanto dire: "altolà!"

La sera che arrivò mia madre
che lo vide bianco senza più respirare
aveva in mano il telegramma:
"medaglia d'oro per l'altolà"

La sera che partirò anche io
io spero solo che sia Natale
perché a Natale stanno tutti a casa
a mangiare, bere, ascoltarsi, parlare

La sera che me ne andrò via
diranno che me ne dovevo andare
diranno che non vado poi a star male
ma io so già che non si sta così

Enzo Jannacci

Nessun commento: