domenica 12 aprile 2009

Easter

A n'e so
Invìci mè
l'è un po' ch'a pràigh, ad nòta,
quant a m svégg, ch'a so lè, ch'a n'arcàp sònn,
l'è la vciaia? a n'é so, l'è la paéura?
A pràigh, e u m pèr 'd sintéi, a n'é so,
cmè ch'a n fóss da par mè, a n'é so, cmè che,
l'è robi ch'l'è fadéiga, a déggh acsè,
mo a n'é so gnénch s'a i cràid o s'a n'i cràid.
Raffaello Baldini

Non lo so
Invece io è un po' che prego, di notte / quando mi sveglio, che sono lì, che non riprendo sonno / è la vecchiaia? non lo so, è la paura? / prego, e mi pare di sentire dentro, non lo so, / come se non fossi solo, non so, come se, / sono cose che è difficile, dico così, / ma non so nemmeno se ci credo o non ci credo

5 commenti:

Anonimo ha detto...

Molto bella la poesia su Ester Balassini

Anonimo ha detto...

Dimenticavo, sono
Il Confuso

Anonimo ha detto...

Vedi che tu sei il primo a non dare più un'occhiata al tuo blog?
I tuoi lettori pretendono interazione, non indifferenza. Puffarolo.
Sei proprio come Mihajlovic
Il confuso

marco tarozzi ha detto...

Non mi sembri così "confuso". Non più di quanto non lo sia io. La confusione è il nostro segno di ditinzione, di questi tempi

marco tarozzi ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.