sabato 15 settembre 2012

Se un poeta se ne va...




Quando se ne va un poeta diventiamo più poveri.
In questo mondo che crede di non averne bisogno.


Non è questo che voglio: ricordare.
No ritornare a quei lontani
anni, a quei tempi lontani.
I cani erano più felici degli uomini.
I miei versi sono fogli gettati
sopra la terra dei morti.
E' oggi che dobbiamo contrastare.

Roberto Roversi

(tratto da "Dopo Campoformio")

Nessun commento: